gestito da Il Gheppio

Cimitero Comunale di Gallicano nel Lazio

© 2016 Riproduzione riservata - Il Gheppio Cooperativa Sociale Integrata - ilgheppiocimitero@libero.it - Sito del Comune di Gallicano nel Lazio

Il funerale

Il funerale

Cosa fare in caso di evento luttuoso

 

Cosa fare in caso di evento luttuoso in abitazione

Se il decesso avviene in abitazione occorre chiamare il medico curante, o la guardia medica, per la dichiarazione delle cause di morte e la redazione di un apposito certificato. Per l’organizzazione del servizio funebre, compreso il trasferimento della salma presso i locali di osservazione, è necessario rivolgersi ad un’Agenzia di Onoranze Funebri.

 

Cosa fare in evento luttuoso in ospedale o casa di cura

Se il decesso avviene in ospedale o in casa di cura, alle certificazioni di cui sopra, provvederà l’Amministrazione Ospedaliera mentre per l’organizzazione del servizio funebre è necessario rivolgersi ad un’Agenzia di Onoranze Funebri.

 

Cosa fare in caso di morte violenta o improvvisa per strada o luoghi pubblici

In caso di morte violenta, di morte improvvisa per strada o in luoghi pubblici, ovvero in caso di morte di persone che vivono sole, è necessario avvertire la forza pubblica, la quale dopo gli accertamenti di legge, darà disposizioni per la rimozione della salma. Per l’organizzazione del servizio funebre è necessario rivolgersi ad un’Agenzia di Onoranze Funebri.

 

 

Disposizioni per funerale e sepoltura

 

Per la scelta delle modalità della sepoltura e del funerale ha prevalenza la volontà dell’estinto in qualsiasi modo espressa, purché non contrastante con la normativa vigente e con l’esigenza di garantire l’efficacia e l’efficienza del servizio. In difetto, le disposizioni relative, con le medesime limitazioni viste al comma precedente, possono essere impartite secondo il seguente ordine: coniuge, figli, genitori, altri parenti in ordine e in grado, eredi istituiti o altri interessati. In caso di contrasto tra aventi di diritto di pari grado, prevale la volontà della maggioranza e in subordine di chi ha per primo manifestato la propria volontà.